PUNTOPACE-FORUM e COMMENTI.
. . .I messaggi possono essere anche personali.
Puoi chiedere le dispense
scrivendo QUI privatamente





Ihren Text tippen/Digitare il testo
Salve Prof.. Sono Cuda Gino, studente del primo anno. Oggi mi ha molto incuriosito la vostra riflessione su Giuda Iscariota nella quale voi lo dipingevate come un uomo colpevole sì, di aver messo alla prova Gesù, causandone poi l'arresto e quanto ne segue, ma non colpevole di un tradimento cosi barbaro come invece viene descritto nei vangeli. Una domanda mi sorge spontanea, Giuda è stato perdonato da Gesù? In quanto peccatore, senza ipocrisie, ho sempre voluto sperare che Gesù possa aver perdonato Giuda nella sua infinita misericordia, anche da un atto cosi riprovevole. Nella vostra visone il tradimento di Giuda mi è apparso più giustificabile, ma nel vangelo sta scritto che anche Gesù dice di Giuda :" sarebe stato meglio per lui se nn fosse mai nato ". Non vorrei disturbarla, ma questo è un tema che mi appassiona molto e siccome lei mi ha dato una nuova prospettiva sull'accaduto mi piacerebbe sapere cosa ne pensa. Può Gesù aver perdonato anche Giuda ? La ringrazio in anticipo buona serata.

Admin reply: Benvenuto Gino!
Ho messo la tua domanda sul FORUM, perché il problema è interessante e soprattutto teologicamente importante. Il tema è stato trattato da tanti, anche in ambito teologico-pastorale, a partire da questo bel testo, in cui si intuiva già - tanti anni fa - l'esito delle successive ricerche storiche. E' di don Primo Mazzolari. Risponde molto bene alla domanda. E poi Dio può perdonare sempre, anche Giuda. Non sappiamo mai che cosa passi nel cuore e tra le labbra o solo tra i pensieri di chi stia per lasciare questo mondo... Se Gesù ha perdonato l'assassino pentito accanto a lui, perché non avrebbe potuto perdonare Giuda?
Grazie della domanda, a presto! Ecco il link: MAZZOLARI-NOSTRO FRATELLO GIUDA


Added: March 11, 2014
Delete this entry Reply to entry View IP address


Ihren Text tippen/Digitare il testo
Caro DG,
due settimane fa, come ti avevo scritto, con 20 colleghi e colleghe della Caritas di Düsseldorf sono andato via per un fine settimana di ritiro spirituale nel monastero "Kloster Steinfeld", distante circa una buona ora da qui.
In particolare mi ha impressionato questo labirinto come simbolo del nostro cammino della vita, che ci porta - anche su vie a volte storte - al centro della nostra fede.
Anche l'essere in contatto con te tramite la locandina è un camminare assieme.
Ti sono sempre grato per questa compagnia!
Buona domenica
Hermann-Josef

Ein Artikel im Internet zur Eröffnung des Labyrinths:
Aus 2000 Rotbuchen entstand in den vergangenen Monaten im Kloster Steinfeld ein Labyrinth mit 25 Metern Durchmesser, in dem Menschen sich fortan auf den Weg zum Kreuz machen können. „Es ist ein einziger Weg, der in die Mitte führt“, erläuterte Pater Bernhard Fuhrmann die Besonderheit des Labyrinths. Somit sei das Labyrinth kein Irrgarten, sondern symbolisiere den menschlichen Lebensweg. Durch die Wegführung, die in fünf Ringen um dem Mittelpunkt verläuft, ist der Besucher mal näher, mal weiter weg von seinem Ziel - wie im richtigen Leben. Den Mittelpunkt des Labyrinths bildet das eine Tonne schwere Stahlkreuz. Es wurde von Johannes Wittstamm, einem ehemaligen Schüler des Hermann-Josef-Kollegs, gebaut und von der Stiftung Kloster Steinfeld finanziert. „Das Kreuz fordert zum Nachdenken heraus“, so Pater Bernhard. Denn die beiden Lebenslinien, die menschliche und die göttliche, seien in der Mitte gebrochen. Ausgerichtet ist das Kreuz, ebenso wie die Basilika, in Richtung Osten, wo nach christlichem Glauben die Auferstehung beginnt.

Der Text am Eingang des Labyrinths:

Labyrinth - Ort der Stille und Meditation
der Orientierung zu Gott
und zu sich selbst,
des Loslassens,
an dem Steine mit persönlichen Anliegen
abgelegt werden können.

Labyrinth - Lebensweg
wo stehe ich,
wo steht Gott,
wo ist mein Ziel,
wo habe ich Etappen erreicht,
wo kehre ich um,
richte mich neu aus?

Kreuz - Treffpunkt zweier Linien
wo begegnen sich irdisches und göttliches,
wo begegnet mir Gott,
wo werde ich berührt,
wo werde ich getragen,
wo kann ich Ballast ablegen?

Admin reply: Grazie, HJ! Appena avrò un po' di tempo farò la traduzione di questa bella preghiera-poesia. Ciao e BUONA DOMENICA! :)


Added: February 22, 2014
Delete this entry Reply to entry View IP address




Ihren Text tippen/Digitare il testo
Carrissimo Giovanni, grazie dell'informazione. Qualunque sia l'origine della locandina, svolge, comunque, un utilissimo servizio. Buona domenica a te e alla tua comunità. Un abbraccio. Sandro.

Admin reply: Grazie, Sandro!
Ho inserito la tua risonanza nel sito,
cari saluti dg


Added: February 22, 2014
Delete this entry Reply to entry View IP address



Ihren Text tippen/Digitare il testo
SONO AGNOSTICO . NON RIESCO A DARE UNA RISPOSTA: DIO C'è , O NON C'è ? IO SONO COME S. TOMMASO . CON LA DIFFERENZA CHE IL SANTO EBBE LA PROVA CONCRETA, io no...-saluti

Admin reply: Caro amico, le prove sono indizi e conferme di orientamenti, ma non possono essere prove inconfutabili e (co)stringenti, la fede non sarebbe allora fede. Ma sarebbe anche come voler dimostrare razionalmente se una persona ha davvero amore o no.... La vita umana ricorre alle prove matematiche solo nella matematica e persino le prove dei tribunali spesso sono solo indiziarie. Fede è cercare sempre, pur avendo un orientamento di vita, verso il bene, verso gli altri, verso l'amore che fa uscire da se stessi e su questa via è più facile incontrare Dio, che in questo mondo non è riscontrabile con prove, ma è incontrabile nei rapporti con gli altri, la natura e le cose.
UN LINK sulla continua ricerca è qui LA FEDE COME CONTINUA RICERCA (Relazione a Castallaneta) . CIAO A TUTTi!


Added: December 4, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address


Ihren Text tippen/Digitare il testo
Ciao DG spero tutto ok, noi al solito ... sono tre settimane che non ricevo la tua locandina su e-mail magari qualcosa elettronico che non va ma io non sono capace di verificare leggo poi tutto sul sito "PUNTO PACE", va bene lo stesso , ma mi manca quando apro la posta il pensiero del tuo scritto. Un abbraccio grande a te e don Prakash ci sentiamo.

Admin reply: Ciao Rosalinda, ho verificato subito se il tuo indirizzo sia ancora nell'indirizzario generale che utilizzo sempre. C'è, come risulta lo stesso della tua mail.
Vedi se per caso la mia mail non viene messa automaticamente nel cestino... Succede quando alcuni programmi pensano che la posta mandata a tante persone è solo spam..
Se finisce nel cestino evidenzia la e mettila in "posta arrivata". Ci deve essere inoltre un'opzione che ti fa dire: considerala posta valida o qualcosa di simile. Un abbraccio. :)


Added: October 20, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address



Ihren Text tippen/Digitare il testo
Cio Don e buona domenica.
Ci accorgiamo quando la locandina non arriva, ma magari non sollecitiamo (almeno io), perchè sappiamo che sei puntuale e, che se non lo fai, è perchè avrai fatto a botte con il tempo ! Ieri sono stata a Padova, ci siamo viste con Lina Minervini, abbiamo parlato anche di te, ti saluta tanto.
Buona Domenica.

Admin reply: Grazie, Giovanna!
Un po' di incoraggiamento fa sempre bene. Anche a me.
Un abbraccio, ma hai visto che cosa c'era in cantiere ieri pomeriggio alle Sarre?
Qualcosa di simile:http://www.puntopace.net/ParrocchiaSPietroAp/PrimaConfessioneTortora2013.htm
Ciao, ancora!
:)


Added: October 20, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address


Ihren Text tippen/Digitare il testo
Lieber Giovanni,
danke für deine Worte.
Die Ausgegrenzten, ja wie sehr beschäftigen zur Zeit die Medien und uns alle.
Es ist und gibt so unendlich viel Leid und Ungerechtigkeit in dieser Welt und im Leben.
Aber doch dürfen wir immer wieder die Gnade der Heilung erfahren. Dafür zu danken ist mehr als recht und doch vergessen wir das oft genug. So schwach sind wir/bin ich.

Admin reply: GRAZIE, MARIA, LA TUE SONO PAROLE SENTITE E VERE. LE RIPORTO E TRADUCO anche per gli altri. Auguri di ogni bene!
-----------------------------------------
TRADUZIONE DEL MESSAGGIO: Caro Giovanni,
grazie per le tue parole.
Già: gli emarginati, quanto impegnano al momento i media e tutti noi! Così è e c’è un’infinità di sofferenza e di ingiustizia in questo mondo e nella vita. Ma possiamo conoscere sempre di nuovo la grazia della guarigione. Ringraziare di questo è più che giusto, ma ce ne dimentichiamo abbastanza spesso. Siamo/sono così deboli/e.


Added: October 12, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address



Ihren Text tippen/Digitare il testo
MESSAGGIO DI JOHANNES MEIER (STORICO DELLA CHIESA A MAINZ) CHE INFORMA SU ALCUNE RIFLESSIONI IMPORTANTI SUL RAPPORTO TRA CRISI FINANZIARIE ATTUALI E PENSIERO ECONOMICO AUTISTICO DEL NOSTRO MONDO ATTUALE (CHI VUOLE E LEGGE IL TEDESCO PUO’ ANDARE DIRETTAMENTE AI LINK SOTTOSTANTI). LINK al pensiero alternativo in questione Kontakt: christoph.gran@yahoo.de
Lieber Giovanni, lieber Elia, lieber Leonardo,
noch immer stehe ich unter dem Eindruck des starken Zeichens, das Papst Franziskus mit dem Besuch in Lampedusa gesetzt hat. Danke, lieber Giovanni, für Deine damalige „Locandina“, die ich auch verschiedenen Freunden hier in Deutschland zugeleitet habe.
Anfang des Monats erhielt ich ein Zeitungsinterview mit einem in Guatemala geborenen Italiener. Er ist Wissenschaftler und Schriftsteller und beschäftigt sich mit der früheren Auswanderung von Italienern nach Mittelamerika, aber auch mit der Haltung der heutigen Italiener zu den Einwanderern. Ich glaube, das zu lesen, ist für Euch interessant und wertvoll.
Dann wurde ich noch auf das „Netzwerk Plurale Ökonomik“ aufmerksam gemacht. Es sieht die Quelle der multiplen Krisen weltlicher Gesellschaften im einseitigen ökonomischen Denken, das durch Forschung bestimmt, durch Lehre vermittelt und durch wirtschaftspolitische Beratung zementiert wird. Deswegen die Notwendigkeit eines grundlegenden Umdenkens in der Lehre der Ökonomie. Angesichts dieser Notwendigkeit will das Netzwerk Plurale Ökonomik einerseits zu einer Neuausrichtung der Volkswirtschaftslehre und andererseits zur Förderung der teilweise in Nischen existierenden Vielfalt an ökonomischen Lehren beitragen. Das Netzwerk bringt kritische Hochschulgruppen, studentische Arbeitsgruppen, ProfessorInnen und ÖkonomInnen zusammen, die für die Verwirklichung dieser Ziele arbeiten. Sie sehen sich als Teil einer globalen Bewegung, die ausgehend von der „Postautistischen Ökonomie“ in Frankreich, gegen die Einseitigkeit der ökonomischen Ausbildung und die Dominanz neoliberaler Meinungen in Bildung, Forschung und Politikberatung kämpft ENTSPRECHENDER LINK
Kontakt: christoph.gran@yahoo.de).
Seid herzlich gegrüßt von
Johannes

Admin reply: Sintesi del contenuto della lettera: si rimanda – purtroppo solo in tedesco – in un’intervista con un autore italiano nato il Guatemala, SUL RAPPORTO TRA CRISI FINANZIARIE ATTUALI E PENSIERO ECONOMICO AUTISTICO DEL
NOSTRO MONDO CONTEMPORANEO (CHI VUOLE E LEGGE IL TEDESCO PUO’ ANDARE DIRETTAMENTE AI LINK RIPORTATI).
- Grazie, Johannes, l'indicazione è preziosa, e appena possibile, l'approfondirò.


Added: August 29, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address



Ihren Text tippen/Digitare il testo
Caro Don Giovanni,
In questi giorni ho pensato spesso a te: nelle letture della settimana scorsa qualche volta Gesù parlava del seminatore - e questo immagine mi ricorda sempre di te!
Perchè con tutto quello che sei, che scrivi (e traduci) e che vivi stai seminando in continuazione, senza avere la sicurezza che i grani cadano su terra fertile…
Oltre a annaffiare di tanto in tanto, c’è solo da aspettare per vedere che cosa ne cresce! – E, come viviamo in questi tempi, questo vale persino per la chiesa!
- PRESTO ARRIVERÀ LA TRADUZIONE DI ciò CHE SEGUE-
“Warten” ist ein Schlüsselwort. Du kannst die Existenz nicht dazu zwingen, Dinge zu tun. Du musst einfach warten. Die Dinge geschehen im richtigen Augenblick. Da hast die Saat ausgesät und du bewässerst jetzt den Garten. Jetzt warte. Jegliche Eile ist gefährlich. Alles, was wächst, braucht seine Zeit. Nur Falschheiten können schnell am Fließband hergestellt werden. Aber Wirklichkeiten wachsen, und Wachstum braucht Zeit.
Rajneesh Chandra Mohan Jain (Osho) (1931-1990; indischer Philosophieprofessor), aus: TE DEUM, 26. Juli 20013.
Un’abbraccio forte
Hermann-Josef

Admin reply: TRADUZIONE del BRANO RIPORTATO da Hermann-Josef

<<"Aspettare" è una parola chiave. Tu non puoi costringere l'esistenza a fare cose. Devi solo aspettare. Le cose accadono al momento giusto. Tu hai seminato il seme e adesso irrighi il giardino. Adesso aspetta. Qualsiasi fretta è pericolosa. Tutto ciò che cresce ha bisogno del suo tempo. Solo le falsità possono essere fatte rapidamente alla catena di montaggio. Ma le realtà crescono, e la crescita richiede tempo>>.

Grazie di cuore di questo brano che fa riflettere.


Added: July 28, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address



Ihren Text tippen/Digitare il testo
Carissimo don Gianni,
non solo trovo la tua preghiera di questa settimana particolarmente toccante, e per questo ti ringrazio, ma la notizia dell'uscita di questo libro è davvero una grande emozione...
mi sembra sia questo il momento più opportuno per ringraziarti per la tua costante testimonianza di vita in compagnia (e non solo a servizio) degli ultimi.
Con vero affetto,
Fabio

Admin reply: Grazie a te, carissimo.
La tua con-sonanza è di aiuto e di incoraggiamento anche a me. Non ci si abitua mai a sentirsi un po' tenuti a distanza, appunto per quelle buone compagnie che si frequentano ... Un abbraccio, DG ;)


Added: July 27, 2013
Delete this entry Reply to entry View IP address
Powered by PHP Guestbook 1.7 from PHP Scripts
 
« First 1 2 3 4 5 6 7 Next › Last »